domenica 13 gennaio 2013

I Pici




Pasta...Mon amour!! Secca, fresca, all'uovo o senza, ripiena o no,  presentatemi un piatto di pasta e mi renderete felice! Per me ogni condimento va bene... carne, pesce o  verdure in qualunque modo la condite io la mangio...anche solo con  olio e limone (mai mangiata?) mi manda al settimo cielo.

Eppure la pasta cos'è? Acqua e farina!! Solo acqua e farina! Incredibile vero? Basta poco per farmi contenta :D. Certo c'è anche la pasta all'uovo, ma comunque con o senza è sempre una cosa miracolosa. Corta, lunga, rigata, liscia, strascinata ....ci sono tantissimi formati. Basta impastare questi due (o tre) ingrediente e avviene il miracolo. Certo la qualità della farina ha il suo peso: deve essere di grano duro! 
Tutta questa premessa per farvi capire la mia gioia quando ho scoperto quale sarebbe stata la prima sfida di quest'anno per MTChallenge.....


I Pici



Grazie Grazie Grazie a Patty-Andante Con Gusto che li ha proposti in un post davvero bello e coinvolgente. Leggendolo vi sembrerà di passeggiare per le colline senesi. Bello bello! Lei li racconta così:
"I Pici sono un laccio di acqua e farina che lega a sé piccoli borghi cristallizzati nel tempo come Pienza, Montepulciano, Monticchiello, Montalcino. Si allunga elastico fino ai confini con l'Umbria lungo la Valdichiana, e su su ancora, fino ad arrampicarsi alle pendici dell’Amiata, dove li troverete più corti e sottili. Ma la loro gloria si propaga fino ai versanti grossetani del Monte Amiata così che possiamo trovare i pici anche in Maremma.

Sono lunghi i Pici. A ragione, in alcuni paesini son chiamati Lunghetti, “filati” a mano fino a raggiungere la lunghezza di 2 o 3 metri. 

Questi antenati degli spaghetti racchiudono l’odore ed il sapore delle campagne senesi. Per me i Pici sono quelli fatti esclusivamente a mano. Non compro mai e soprattutto non ordino mai pici al ristorante se non sono casalinghi:i pici industriali non hanno fascino né sapore.

Si parla di semplice acqua, farina ed olio extra vergine"



200 gr di farina 00
100 gr di semola rimacinata
2 cucchiai abbondanti di olio evo
q.b d'acqua
sale

Su una spainatoia setacciare le due farine ed un pizzico di sale insieme per due volte, in modo che si mescolino bene. Fare la fontana ed inserire al centro l'olio e un pochino d'acqua. Impastare bene fino ad ottenere un impasto liscio, ma non troppo. Aggiungere l'acqua un poco alla volta senza esagerare. Il tutto deve risulatre sodo e morbido insieme. 
Far riposare ben coperto per una mezz'ora almeno.
Passato questo tempo si comincia a "piciare": staccare una pallina dall'impasto e stenderla un pochino con un mattarello. Nel frattempo l'impasto messo da parte va coperto di nuovo altrimenti si secca. Con un coltello tagliare delle striscioline di circa 1 cm e con i palmi delle mani arrotolare e stendere- arrotolare e stendere- arrotolare e stendere fino ad  ottenedere un picio. 
Una volta tirato stenderlo su un canovaccio e spolverare con un pochino di semola. Per farli asciugare li ho stesi sulla spalliera di una sedia (grazie Luna per il suggerimento ;)  )


Per il condimento:

100 gr di cacioricotta
qb di pepe

Grattugiare il cacio tutto in una bowl e metterne un pochino da parte per decorare il piatto. Al cacio aggiungere del pepe e mescolare tutto.

Cuocere i pici in acqua salata ed una volta cotti unirli al cacio e pepe nella bowl, facendo bene attenzione a non scolare troppo la pasta. Anzi se è necessario aggiungere altra acqua di cottura. Mantecare e servire spolverando altro cacio e pepe in superficie.


Con questa ricetta di Pici partecipo all'MTChallenge di Gennaio




38 commenti:

  1. hai ragione.la pasta è un miracolo!e nella sua semplicità la tua è perfetta!fantastica...invitantissima.bacio

    RispondiElimina
  2. ce belle foto, ce bbona pasta bravissima tesoro, ma com'è che i vostri pici sono cosi belli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale aspetto i tuoi....lo so già che dovrò ritirarmi in un cantuccio

      Elimina
  3. difficile, rosaria, difficile. E quindi,il mio "brava"è doppio, triplo, quadruplo. Perchè il cacio e pepe è una brutta bestia e affrontarlo con una pasta fresca lo rende ancora più ostico: riuscire nell'impresa non era affatto semplice. Ottima scelta il cacio ricotta che "aggancia" la tua terra- e sempre emozionanti, le tue foto. Brava!

    RispondiElimina
  4. mi cogli nel periodo pastaiolo, aggiungo ai prossimi esperimenti. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prova prova l'impasto è molto molto elastico

      Elimina
  5. bellissima versione, rosaria, semplice ma solo apparentemente. come dicono le cape, è una pasta difficile se si vuole farla bene.
    foto intensissime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sono invece sempre strabiliata dalle vostra abilità a produrre meraviglie nonostante tutte le difficoltà...

      Elimina
  6. mamma mia che fotoooo bravissima rosaria mi fanno gola tantissimo ....io devo ripiciare che non mi hanno fatto fare manco una foto :( solo della lavorazione ...tutto perche' noi mangiamo insieme tutti di sera dopo la pizzera ecco perche' troppo tardi vabbe' ne approfitto per vedere le vopstre delizie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehehehh vuol dire che sono venuti benissimo e che devi assolutamente
      ri-pici-are

      Elimina
  7. Una signora pasta!!!! Hai ragione la pasta sulla mia tavola vince sempre, tra un secondo e un piatto così non c'è da chiederselo!!!! Splendida! Baci

    RispondiElimina
  8. Grazie all'MTC di questo mese' è conosciuto un formato di pasta che non conoscevo e tu se stata bravissima nel realizzarlo. Complimenti.


    pastaenonsolo.blospot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh! visto il nome del tuo blog non puoi esimerti dal provare ;)

      Elimina
  9. Bravissima osaria, che splendita versione, e che gusto!!!!

    RispondiElimina
  10. La cremosità dei tuoi pici al cacio e pepe arriva oltre lo schermo, direttamente in bocca. Le foto stupende rendono sempre onore alla ricetta!
    bravissima!
    Francy

    RispondiElimina
  11. Hai piciato alla perfezione e ...che eleganza!!! ;)

    RispondiElimina
  12. Cara Rosaria. Conosco l'amore di cui mi parli, quella passione che nasce da lontano, da prima che noi nascessimo, da donne che abbiamo osservato muoversi sicure di fronte alla spianatoia. Gli stessi gesti ci danno una gioia che non capiamo, ma è semplicemente il fatto che ce li abbiamo dentro. Sono davvero felice che tu abbia apprezzato questo formato e che lo abbia vestito con un condimento che sa della tua terra. Il tutto coronato da una magica atmosfera raccontata dalle tue immagini. Un forte abbraccio. Pat

    RispondiElimina
  13. E' vero, la pasta è sempre ottima e questa è una vera bontà!!! Bellissime le foto :)

    RispondiElimina
  14. Ciao Ros anche io sono un'amante della pasta e questi pici sono irresistibili anche a quest'ora!
    Buona giornata
    Sonia

    RispondiElimina
  15. l'ho mangiata anni fa a Chianciano, buonissima !

    RispondiElimina
  16. Sono vengo dal Google di Chiara. Il tu site e fantastico e le fotogrrrafie sonso meravogliose. Bravissima! E adoro i pici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Adri grazie mille! Sei la benvenuta

      Elimina
  17. Bravissima!!! Non ho mai provato a prepararli in casa, ma ne conosco la bontà!!!
    Felice serata!!!

    RispondiElimina
  18. adoro i pici cacio e pepe, mi sa proprio che saranno sempre la mia versione preferita

    RispondiElimina
  19. Oh si, anche io adoro la pasta e tutte le sue possibili varianti, la preferisco ai secondi e non potrei mai rinunciarvi! Infatti non riesco a fare le diete!!! E quindi per me è stata una grande gioia scoprire che, per la mia prima sfida dell'MTC dovevo preparare i pici!!! Fantastico inizio!
    Il tuo condimento è un classico che non stanca mai, anche a quest'ora ne mangerei un piatto pieno!
    Dolce notte,
    More

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao morena benvenuta! vedrai l'mtc crea dipendenza :)

      Elimina
  20. ciao, io adoro i Pici, sono Toscana e mi ricordano l'infanzia e le mie vacanze passate a Follonica, è lì che mia madre me li ha fatti amare per la prima volta!
    Conosco il blog di Patty ed è meraviglioso, il tuo piatto è fotografato benissimo ed il Picio cacio e pepe secondo me è il condimento che meglio lo esalta.
    baci
    Coscina di pollo

    RispondiElimina
  21. La raffinatezza di un condimento semplice e gustoso, a mio parere non ha eguali!
    Bravissima Rosaria!!!!

    RispondiElimina
  22. Rosaria, non posso dirti altro che hai scelto un condimento di tutto rispetto! ;) Anche i miei primi pici sono stati conditi con cacio e pepe, ma i tuoi sembrano decisamente più buoni: le tue foto sono splendide! Bravissima! Ciao, Sarah

    RispondiElimina
  23. vado matta per i pici, con questo condimento mi piace un sacco, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  24. è ora di cena, mi hai fatto venir fame ed è troppo tardi per farmeli! domenica ci penserò seriamente!

    RispondiElimina

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...